Progetto Intervisioni

Il progetto Intervisioni, nato spontaneamente nel gruppo di lavoro per un’esigenza di confronto sui casi, si propone di creare uno spazio di discussione a partire da un singolo caso sui temi della tecnica, del metodo e della teoria che strutturano il lavoro in questo magmatico ambito clinico. La non definitezza della teoria che guida l’agire clinico e operativo nell’ambito multiculturale permette la creazione di un pensiero fluido, in costante evoluzione, mai definitivo. Tale flessibilità si rende possibile solo in uno spazio di condivisione dei dubbi e dei timori che emergono di volta in volta, differenti, nell’incontro con l’altro, vicino o lontano. Perché pensiamo che non sia necessariamente, o solamente, una questione di lontananza geografica o di differenze etniche a marcare la distanza, si tratta piuttosto della necessità di comprendere l’altro in tutta la sua complessità ed interezza che rischiamo di perdere dando per scontate troppe cose nel caso di una supposta somiglianza. Siamo convinti che solo il dialogo gruppale permetta di cogliere le sfumature e superare i pregiudizi che inevitabilmente, per uno sforzo economico della mente, guidano il nostro avvicinare l’altro. Le intervisioni sono aperte a tutti i professionisti coinvolti nel processo di presa in carico di persone con disagio psichico, che mirino ad impostare il proprio lavoro nel rispetto della cultura di ognuno. Il confronto interdisciplinare arricchisce ulteriormente lo scambio e permette la creazione di un prisma di osservazione che colga la complessità della persona di cui si discute nonché dei numerosi contesti in cui lei, e noi, ci troviamo coinvolti.

Le intervisioni si svolgono una volta al mese il lunedì dalle 20 alle 22. Ogni partecipante, a turno, potrà proporre un proprio caso su cui verterà la discussione, a questo è richiesta una cartella di presentazione del caso stesso da mandare una settimana prima dell’incontro.

Per informazioni e per richieste di partecipazione scrivi a associazioneetnos@gmail.com

Referente del progetto Valentina Stirone: valentina.stirone18@gmail.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Add to favorites
Email
Print